Playstation VR 2 (PSVR 2), tutto quello che sappiamo sul nuovo visore Sony

Playstation VR 2 (PSVR 2), tutto quello che sappiamo sul nuovo visore Sony
Share

Sì, il nuovo visore Playstation si farà, è questa la cosa importante e sicura. Non sappiamo ancora se si chiamerà PSVR 2, ma come vedremo in seguito Sony ha dichiarato che il nuovo caschetto uscirà prima o poi. E non solo questo, perchè la casa nipponica si è sbottonata mostrandoci anche i controller. Poi ci sono i soliti rumor: specifiche tecniche, data d’uscita presunta… Ma procediamo con ordine.

PSVR 2 uscirà, ma non quest’anno (e potrebbe non chiamarsi PSVR 2)

Questa è la cosa importante! Sony Interactive Entertainment ha confermato che PSVR 2 è ufficialmente in lavorazione. In un post sul blog di PlayStation di febbraio, il CEO Jim Ryan ha confermato che è in lavorazione un nuovo visore. Tuttavia, non uscirà nel 2021. Ryan non ha fornito una finestra di lancio oltre a queste informazioni, ma speriamo di vederne di più nel 2022.

Il nuovo visore potrebbe anche non chiamarsi PSVR 2. Ryan non gli ha dato un nome nel suo post ma Sony non ha immediatamente rivelato il nome di PS5 quando ha iniziato a parlarne a metà del 2019, quindi PSVR 2 è ancora in ballo. Detto questo, in una recente conferenza degli sviluppatori la società avrebbe dato al visore il nome in codice NGVR, o “Next-Generation VR”.

C’era qualche incertezza sul fatto che PSVR 2 potesse mai uscire. Nelle settimane precedenti al lancio di PS5, Sony lanciò messaggi un po’ contrastanti sul futuro della realtà virtuale. Nell’ottobre 2020, Jim Ryan affermò che il futuro della piattaforma era “a più di pochi minuti di distanza” e la recente chiusura dello studio dedicato alla realtà virtuale di Sony nel Regno Unito non ci aveva dato molta fiducia. Oggi possiamo stare tranquilli dicendo che quei timori erano infondati: PSVR 2 (o PS5 VR) “s’ha da fare”.

PlayStation 5 PS5 Lato sdraiato

PSVR 2 funzionerà su PS5 tramite un singolo cavo

PSVR 2 funzionerà su PS5: ok, fin qui c’eravamo arrivati. Sempre nel post sul blog di febbraio, Ryan ha confermato che il nuovo visore si collegherà alla console tramite un singolo cavo, il che significa una configurazione molto più semplice rispetto al groviglio di cavi del PSVR originale. Non c’è ancora alcuna conferma di una possibile connettività wireless, anche se alcuni brevetti di Sony lo suggeriscono. Forse potrebbe uscire un kit di conversione wireless più avanti? Ad ogni modo, la potenza di elaborazione aggiuntiva di PS5 dovrebbe fare molto per migliorare l’esperienza PSVR. E in ogni caso un visore senza batteria e chip integrato significa un prodotto più leggero e più economico (o almeno questa è la speranza).

Sappiamo già come sono fatti i nuovi controller

La seconda informazione ufficiale che Sony ha rivelato su PSVR 2 riguarda i controller. All’inizio dell’anno sempre sul blog ufficiale, sono stati mostrati questi dispositivi di forma sferica, che sembrano sicuramente un enorme passo avanti rispetto agli ormai decennali controller PS Move utilizzati con il primo PSVR.

ps5 controller VR 1

Ecco tutte le caratteristiche che avranno i nuovi controller, prese direttamente dal blog:

  • Trigger adattivi: ogni controller VR (sinistro e destro) include un pulsante “trigger” adattivo che aggiunge una tensione palpabile quando viene premuto, simile a quella che si trova nel controller DualSense. Se hai giocato a un gioco per PS5, avrai familiarità con la tensione dei pulsanti L2 o R2 quando li premi, ad esempio quando tiri l’arco per scoccare una freccia. Quando prendi quel tipo di meccanica e la applichi alla realtà virtuale, l’esperienza viene amplificata ulteriormente.
  • Feedback tattile: il nuovo controller avrà un feedback tattile ottimizzato per il suo fattore di forma, rendendo ogni sensazione nel mondo di gioco più impattante, strutturata e sfumata. Quando attraversi un deserto roccioso o scambi colpi in un combattimento corpo a corpo, sentirai la differenza, amplificando la straordinaria esperienza visiva e sonora così centrale per la VR.
  • Rilevamento del tocco delle dita: il controller è in grado di rilevare le dita senza premere nelle aree in cui si posiziona il pollice, l’indice o il medio. Ciò ti consente di eseguire gesti più naturali con le mani durante il gioco.
  • Tracciamento: il controller VR viene tracciato dal nuovo visore tramite un anello di tracciamento nella parte inferiore.
  • Pulsanti di azione/stick analogici: il controller sinistro contiene uno stick analogico, i pulsanti triangolo e quadrato, un pulsante “grip” (L1), un pulsante “trigger” (L2) e il pulsante Crea. Il controller destro contiene una levetta analogica, i pulsanti croce e cerchio, un pulsante “grip” (R1), un pulsante “trigger” (R2) e il pulsante Opzioni. Il pulsante “grip” può essere utilizzato per raccogliere oggetti in gioco, ad esempio.
controller vr ps5 2

A quanto pare Sony si affiderà ad un classico sistema inside-out (simile a quello attuale di Oculus) con le telecamere sul visore che tracceranno i controller. Sembra quindi scartata per il momento l’ipotesi di una cam installata direttamente nei controller, come si ipotizza possa fare Facebook con il nuovo Quest Pro (qui tutti i leak). Anche se alcuni brevetti di Sony sembrano dire il contrario come si vede dalla seguente immagine. Ma si sa che molte idee brevettate possono poi trasformarsi o non vedere mai la luce. Non avendo ancora visto il visore invece, non è scartata l’ipotesi di vedere una o più telecamere sul retro, in modo da eliminare le zone d’ombra dietro la schiena.

New PSVR Patent Design 3

I leak sulle specifiche tecniche

Le specifiche ufficiali di PSVR 2 non sono ancora state annunciate, ma UploadVR è stato il primo sito a rivelare alcuni dettagli nel maggio 2021. Diverse fonti hanno confermato che il visore include un display con risoluzione di 4000×2040 pixel (2000×2040 per occhio). In un rapporto dell’agosto 2021 tratto dalla conferenza privata degli sviluppatori, PSVR Without Parole ha anche riferito che avrà un campo visivo (FOV) di circa 10 gradi più ampio rispetto al PSVR originale e utilizzerà un display OLED HDR.

Oltre alle specifiche di PSVR 2, il visore avrà alcune grandi novità. Sarà in grado di tracciare la direzione dello sguardo, ad esempio, per utilizzare una tecnica chiamata foveated rendering. Con questa tecnica è possibile renderizzare alla risoluzione massima solo la porzione di display che si sta effettivamente osservando. Questo dovrebbe aiutare a migliorare notevolmente le prestazioni dei giochi su PS5. Sarà possibile regolare le lenti in maniera separata in modo da potersi adattare alla vista di quante più persone possibili. Un’altra caratteristica interessante possibile è il feedback tattile all’interno del visore stesso. A prima vista questa non è una caratteristica così avanzata come il feedback tattile visto nei nuovi controller DualSense e potrebbe essere impiegato più per il comfort che per migliorare l’immersione.

Ma concentriamoci ancora sui display, perchè lo Youtuber SadlyItsBradley ha formulato un’ipotesi niente male. Partendo dalla risoluzione emersa dai leak ed analizzando alcune tecnologie e brevetti Sony, ha ipotizzato che i prossimi display potrebbero essere dei micro OLED dove alcuni pixel vengono usati come emettitori e ricevitori IR per l’eye-tracking. Questo tipo di display chiamati NIR-OLED permetterebbero quindi la visualizzazione di immagini e il tracciamento oculare contemporaneamente, senza installare ulteriori telecamere ad infrarossi come in altri visori. E Sony avrebbe un vantaggio in tutto ciò, poichè potrebbe utilizzare questa tecnologia anche per altri prodotti, come videocamere e fotocamere high-end.

Certo è che questa tecnologia va per forza di cose affiancata ad un’ottica adeguata. I rumor emersi sempre da quella famosa conferenza privata dicono che PSVR 2 utilizzerà lenti Fresnel, tecnologia che però mal si sposa con l’eye-tracking a causa della degradazione dell’immagine quando si osserva la zona al di fuori dello sweet spot. Quello che sembra certo è che Sony e Facebook avrebbero ordinato grandi quantitativi di nuove lenti per il 2022. Probabilmente le nuove ottiche serviranno proprio per adattarsi al meglio ai nuovi display, staremo a vedere.

Sony potrebbe spingere su giochi VR AAA “ibridi” per PSVR 2

Ok, passiamo all’argomento che ci interessa di più, ovvero a cosa giocheremo con il PSVR 2. Finora non ci sono stati giochi PSVR 2 ufficialmente confermati. Tuttavia, durante la conferenza degli sviluppatori di agosto, Sony avrebbe affermato di voler spingere gli sviluppatori a creare giochi AAA più grandi e ad implementare il supporto VR nei loro titoli come opzione. Ovviamente PSVR 2 supporterà anche i titoli VR nativi, ma questa potrebbe essere una spinta importantissima per vedere più giochi AAA in VR come Resident Evil 7, No Man’s Sky e Hitman 3.

Stiamo già vedendo titoli che sembrano pronti per PSVR 2. Resident Evil 8 ritorna in prima persona come Resident Evil 7 e, sebbene sia già uscito, il supporto futuro per PSVR 2 sembra più che una possibilità. Anche Gran Turismo 7 è una scelta ovvia, mentre esistono poi team con una grande esperienza in VR come lo sviluppatore di Blood & Truth, Sony London, e Insomniac, gli autori di Stormland. Sony ha quindi il potenziale, più che di creare un ottimo visore, di supportarlo con esperienze mai viste prima e che derivano direttamente dai videogiochi tradizionali. Vedremo poi se anche i vecchi giochi saranno adattati per essere giocati con il nuovo dispositivo ed i nuovi controller.

Resident Evil Village

Nell’attesa di PSVR 2, ecco quello che si può fare

Non solo PS5 è retrocompatibile, ma la console supporta anche il PSVR originale. Ciò significa che si può giocare ai giochi PSVR originali sul visore, ma con un adattatore speciale per collegare la cam PS4 alla PS5. Non è possibile utilizzare la nuova videocamera HD per PS5, ma Sony sta inviando l’adattatore gratuitamente e lo integra nelle nuove unità. Rimangono supportati i vecchi controller Move così come l’Aim Controller, anche se i giochi “da gamepad” che non utilizzano il tracciamento come Resident Evil 7 possono utilizzare il nuovo controller DualSense.

Gli sviluppatori PSVR possono aggiornare i propri titoli con funzionalità specifiche per PS5, magari migliorando la grafica e le prestazioni dei giochi esistenti. E’ il caso di No Man’s Sky, Blood & Truth, così come di Firewall: Zero Hour. Sony infine afferma che la “grande maggioranza” dei giochi per PS4 funzionerà su PS5, ma per esempio Robinson: The Journey non è compatibile con la nuova console. Anche se il supporto per la retrocompatibilità di PSVR sembra solido, una cosa che non si può fare è usare il visore con le versioni PS5 dei giochi. Ciò significa che i giochi cross-gen con supporto al PSVR su PS4 come Hitman 3 e No Man’s Sky non supportano PSVR su PS5. È necessario eseguire le vecchie versioni tramite la retrocompatibilità per giocarli in VR.

PlayStation 5 e PSVR

Utenti PSVR, tenete duro!

Nonostante tutte le problematiche legate alla retrocompatibilità, stanno uscendo ancora tantissime esclusive per il visore Sony, come Arashi: Castles of Sin e Fracked, mantenendo il catalogo VR di Playstation più solido che mai. Ma ormai non manca molto! Nell’intervista citata in precedenza Ryan ha confermato che i kit di sviluppo “stanno per uscire”. Dai rumor, il visore dovrebbe essere presentato ufficialmente ad inizio 2022 ed uscire entro la fine dell’anno. Un 2022 che si preannuncia importantissimo per la realtà virtuale, con le probabili uscite anche di Oculus Quest Pro e del nuovo HMD di Apple. Incrociamo le dita!

Ricordatevi di attivare la campanella per non perdervi neanche un articolo!

error: Content is protected !!